dcsimg
false
Toolbox

La sicurezza delle persone

Tabelle dati in Excel Tabelle dati in Excel

2009 2010 2011
Indice di frequenza infortuni (infortuni/ore lavorate) x 1.000.000 1,11 0,89 0,73
- dipendenti 1,00 0,91 0,71
- contrattisti 1,18 0,88 0,74
Indice di gravità infortuni (giorni di assenza/ore lavorate) x 1.000 0,037 0,029 0,026
- dipendenti 0,041 0,030 0,027
- contrattisti 0,035 0,029 0,025
Indice di frequenza infortuni totali registrabili (TRIR) (infortuni totali registrabili/ore lavorate) x 1.000.000 2,42 2,26 1,61
- dipendenti 2,57 2,72 1,77
- contrattisti 2,32 1,96 1,52
Fatality index (infortuni mortali/ore lavorate) x 100.000.000 1,33 4,64 1,89
- dipendenti 0,85 6,40 1,15
- contrattisti 1,65 3,48 2,34
Near miss (numero) 2.446 3.013 2.723
Ore di formazione sulla sicurezza (ore) 1.263.580 1.573.634 1.375.607
- di cui ai dirigenti 14.492 35.828 8.326
- di cui ai quadri 107.887 209.506 133.101
- di cui agli impiegati 551.002 743.577 485.536
- di cui agli operai 590.199 584.723 748.644
Audit di sicurezza (numero) 322 308 960
Investimenti e spese in sicurezza (migliaia di euro) 514.773 283.501 349.229
- di cui spese correnti 250.760 194.224 201.089
- di cui investimenti 264.013 89.277 148.140

L’indice di frequenza degli infortuni del 2011 mostra, rispetto all’anno precedente, un miglioramento sia per i dipendenti che per i contrattisti proseguendo, per il sesto anno consecutivo, il trend positivo.

In particolare, rispetto al 2010, il miglioramento per i dipendenti è stato del 21,9% e per i contrattisti del 15,9%. L’indice di frequenza infortuni della forza lavoro totale Eni (pari a 0,73) è in calo del 18% rispetto al 2010. I dati ottenuti sono particolarmente positivi se si osserva che, contestualmente, si sono ridotti gli indici di gravità infortuni.

Nel 2011 sono avvenuti 3 infortuni mortali a dipendenti (nel 2010 sono stati 17 e 2 nel 2009) e 10 a contrattisti (nel 2010 sono stati 14 e 6 nel 2009). Il dato del 2010 è stato influenzato dall’incidente aereo occorso in Pakistan che ha causato la morte di 21 persone. Eni prosegue l’obiettivo zero fatalities attraverso la realizzazione di numerose iniziative quali la campagna “comunicare la sicurezza” e il programma “eni in safety”, che prevedono un’intensa campagna informativa e formativa per rafforzare ulteriormente la cultura della sicurezza in Eni.

Sono più che triplicati gli audit relativi alla sicurezza, in particolare in ragione alle attività di controllo poste in essere nei settori esplorazione e produzione, raffinazione e petrolchimica. Per quanto riguarda le spese per la sicurezza, il valore degli investimenti impiegati testimonia il continuo impegno nella riduzione dei rischi e nell’aggiornamento alle nuove tecnologie effettuato presso gli asset produttivi.

Torna Su

Eni S.p.a. - Sede legale
Piazzale Enrico Mattei, 1
00144 Roma

Sedi secondarie
Via Emilia, 1
e Piazza Ezio Vanoni, 1
20097 - San Donato Milanese (MI)

Partita IVA
n. 00905811006

Capitale sociale
€ 4.005.358.876,00 i.v.

C. F. e Registro Imprese di Roma
n. 00484960588

Mission
Siamo un’impresa integrata nell’energia, impegnata a crescere nell’attivita di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas naturale. Tutti gli uomini e le donne di eni hanno una passione per le sfide, il miglioramento continuo, l’eccellenza e attribuiscono un valore fondamentale alla persona, all’ambiente e all’integrità.