dcsimg
false
Toolbox

Stato patrimoniale riclassificato

Lo schema dello stato patrimoniale riclassificato aggrega i valori attivi e passivi dello schema statutory secondo il criterio della funzionalità alla gestione dell’impresa considerata suddivisa convenzionalmente nelle tre funzioni fondamentali: l’investimento, l’esercizio, il finanziamento. Il management ritiene che lo schema proposto rappresenti un’utile informativa per l’investitore perché consente di individuare le fonti delle risorse finanziarie (mezzi propri e mezzi di terzi) e gli impieghi delle stesse nel capitale immobilizzato e in quello di esercizio. Lo schema dello stato patrimoniale riclassificato è utilizzato dal management per il calcolo dei principali indici finanziari di redditività del capitale investito (ROACE) e di solidità/ equilibrio della struttura finanziaria (leverage).

MOSTRA TUTTO

Stato patrimoniale riclassificato (a)

(milioni di euro) 31 dicembre 2010 31 dicembre 2011 Var. ass.
Capitale immobilizzato      
Immobili, impianti e macchinari 67.404 73.578 6.174
Rimanenze immobilizzate – scorte d'obbligo 2.024 2.433 409
Attività immateriali 11.172 10.950 (222)
Partecipazioni 6.090 6.242 152
Crediti finanziari e titoli strumentali all'attività operativa 1.743 1.740 (3)
Debiti netti relativi all'attività di investimento (970) (1.576) (606)
  87.463 93.367 5.904
Capitale di esercizio netto      
Rimanenze 6.589 7.575 986
Crediti commerciali 17.221 17.709 488
Debiti commerciali (13.111) (13.436) (325)
Debiti tributari e fondo imposte netto (2.684) (3.503) (819)
Fondi per rischi e oneri (11.792) (12.735) (943)
Altre attività (passività) d'esercizio (1.286) 281 1.567
  (5.063) (4.109) 954
Fondi per benefici ai dipendenti (1.032) (1.039) (7)
Attività destinate alla vendita e passività direttamente associabili 479 206 (273)
CAPITALE INVESTITO NETTO 81.847 88.425 6.578
Patrimonio netto degli azionisti Eni 51.206 55.472 4.266
Interessenze di terzi 4.522 4.921 399
PATRIMONIO NETTO 55.728 60.393 4.665
Indebitamento finanziario netto 26.119 28.032 1.913
COPERTURE 81.847 88.425 6.578
  1. Per la riconduzione allo schema obbligatorio v. il paragrafo "Riconduzione degli schemi di bilancio riclassificati utilizzati nella relazione sulla gestione a quelli obbligatori".

Il deprezzamento registrato nel cambio puntuale euro/dollaro rispetto al 31 dicembre 2010 (cambio EUR/USD 1,294 al 31 dicembre 2011, contro 1,336 al 31 dicembre 2010, -3,1%) ha determinato, nella conversione dei bilanci espressi in moneta diversa dall’euro ai cambi del 31 dicembre 2011, un aumento del capitale investito netto di 1.232 milioni di euro, del patrimonio netto di 1.031 milioni di euro e dell’indebitamento finanziario netto di 201 milioni di euro.

Tali variazioni unitamente all’utile di periodo hanno contribuito ad assorbire l’effetto crescita dell’indebitamento, riducendo il leverage del bilancio consolidato al 31 dicembre 2011 a 0,46 che si confronta con 0,47 al 31 dicembre 2010.

Il capitale investito netto al 31 dicembre 2011 ammonta a 88.425 milioni di euro con un incremento di 6.578 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010.

Capitale immobilizzato

Il capitale immobilizzato (93.367 milioni di euro) è aumentato di 5.904 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010 per effetto, oltre che del movimento dei cambi, degli investimenti tecnici dell’esercizio (13.438 milioni di euro), parzialmente assorbiti dagli ammortamenti e svalutazioni dell’esercizio (9.318 milioni di euro).

Capitale di esercizio netto

Il capitale di esercizio netto (-4.109 milioni di euro) è aumentato di 954 milioni di euro per effetto:

  • dell’incremento delle rimanenze (+986 milioni di euro) determinato dall’effetto della ripresa dei prezzi del petrolio, dei prodotti petroliferi e del gas nella valutazione al costo medio ponderato;
  • dell’incremento delle Altre attività d’esercizio nette di 1.567 milioni di euro in relazione a: (i) minori debiti diversi che riflettono i pagamenti eseguiti nell’anno ai fornitori di gas per effetto dell’attivazione della clausola di take-or-pay al netto degli utilizzi di gas prepagato (324 milioni di euro); (ii) la riduzione delle passività nette (352 milioni di euro) relative al fair value degli strumenti derivati cash flow hedge dovuta principalmente alla chiusura della transazione per la copertura del rischio di variazione dei flussi di cassa attesi dalla vendita nel periodo 2008-2011 di circa 125,7 milioni di barili di riserve certe; (iii) la maggiore posizione netta verso partner nell’attività in joint venture del settore Exploration & Production (circa 400 milioni di euro);
  • dell’incremento dei debiti tributari e del fondo imposte netto per effetto dello stanziamento delle imposte sul reddito dell’esercizio;
  • dell’incremento del fondo per rischi e oneri a seguito principalmente dell’aggiornamento della passività relativa allo smantellamento e rimozione delle strutture e alla chiusura dei pozzi minerari all’atto dell’abbandono nel settore Exploration & Production.

Attività destinate alla vendita e passività direttamente associabili

Le attività destinate alla vendita e passività direttamente associabili (206 milioni di euro) riguardano essenzialmente asset non strategici della Divisione Exploration & Production.

Return On Average Capital Employed (ROACE)

Indice di rendimento del capitale investito. Per il Gruppo è calcolato come rapporto tra l’utile netto adjusted, prima delle interessenze di terzi azionisti e rettificato degli oneri finanziari netti correlati all’indebitamento finanziario netto dedotto il relativo effetto fiscale, e il capitale investito netto medio. L’effetto fiscale correlato agli oneri finanziari è determinato in base all’aliquota del 38% prevista dalla normativa fiscale italiana. Il capitale investito finale utilizzato per il calcolo del capitale investito netto medio è rettificato dell’utile/perdita di magazzino rilevata nell’esercizio al netto del relativo effetto fiscale. Per i settori di attività il ROACE è calcolato come rapporto tra l’utile netto adjusted e il capitale investito netto medio di competenza di ciascun settore, rettificando il capitale investito netto finale dell’utile/perdita di magazzino al netto del relativo effetto fiscale per i settori dove il fenomeno è presente.

2011 (milioni di euro) Exploration & Production Gas & Power Refining & Marketing Gruppo
Utile netto adjusted 6.866 1.541 (262) 7.912
Esclusione degli oneri finanziari correlati al debito
(al netto dell'effetto fiscale)
454
Utile netto adjusted unlevered 6.866 1.541 (262) 8.366
Capitale investito netto adjusted
– a inizio periodo 37.646 27.346 8.321 81.847
– a fine periodo 42.024 27.660 8.600 87.701
Capitale investito netto medio adjusted 39.835 27.503 8.461 84.774
ROACE adjusted (%) 17,2 5,6 (3,1) 9,9
2010 (milioni di euro) Exploration & Production Gas & Power Refining & Marketing Gruppo
Utile netto adjusted 5.600 2.558 (49) 7.934
Esclusione degli oneri finanziari correlati al debito
(al netto dell'effetto fiscale)
337
Utile netto adjusted unlevered 5.600 2.558 (49) 8.271
Capitale investito netto adjusted
– a inizio periodo 32.455 24.754 8.105 73.106
– a fine periodo 37.646 27.270 7.859 81.237
Capitale investito netto medio adjusted 35.051 26.012 7.982 77.172
ROACE adjusted (%) 16,0 9,8 (0,6) 10,7
2009 (milioni di euro) Exploration & Production Gas & Power Refining & Marketing Gruppo
Utile netto adjusted 3.878 2.916 (197) 6.157
Esclusione degli oneri finanziari correlati al debito
(al netto dell'effetto fiscale)
283
Utile netto adjusted unlevered 3.878 2.916 (197) 6.440
Capitale investito netto adjusted
– a inizio periodo 30.362 22.547 7.379 66.886
– a fine periodo 32.455 25.024 7.560 72.915
Capitale investito netto medio adjusted 31.409 23.786 7.470 69.901
ROACE adjusted (%) 12,3 12,3 (2,6) 9,2

Indebitamento finanziario netto e leverage

Il “leverage” misura il grado di indebitamento della società ed è calcolato come rapporto tra l’indebitamento finanziario netto e il patrimonio netto comprensivo delle interessenze di terzi azionisti. Il management Eni utilizza il leverage per valutare il grado di solidità e di efficienza della struttura patrimoniale in termini di incidenza relativa delle fonti di finanziamento tra mezzi di terzi e mezzi propri, nonché per effettuare analisi di benchmark con gli standard dell’industria.

 (milioni di euro) 31 dicembre 2010 31 dicembre 2011 Var. ass.
Debiti finanziari e obbligazionari 27.783 29.597 1.814
Debiti finanziari a breve termine 7.478 6.495 (983)
Debiti finanziari a lungo termine 20.305 23.102 2.797
Disponibilità liquide ed equivalenti (1.549) (1.500) 49
Titoli non strumentali all'attività operativa (109) (37) 72
Crediti finanziari non strumentali all'attività operativa (6) (28) (22)
Indebitamento finanziario netto 26.119 28.032 1.913
Patrimonio netto comprese le interessenze di terzi 55.728 60.393 4.665
Leverage 0,47 0,46 (0,01)

L’indebitamento finanziario netto 2011 di 28.032 milioni di euro è aumentato di 1.913 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010. I debiti finanziari e obbligazionari ammontano a 29.597 milioni di euro, di cui 6.495 milioni di euro a breve termine (comprensivi delle quote in scadenza entro 12 mesi dei debiti finanziari a lungo termine di 2.036 milioni di euro) e 23.102 milioni di euro a lungo termine. Il leverage, rapporto tra indebitamento finanziario netto e patrimonio netto comprese le interessenze di terzi, è pari a 0,46 al 31 dicembre 2011 (0,47 al 31 dicembre 2010).

Prospetto dell’utile complessivo

2009 (milioni di euro) 2010 2011
5.317 Utile netto 7.383 7.803
Altre componenti dell'utile complessivo:
(869) Differenze cambio da conversione dei bilanci in moneta diversa dall'euro 2.169 1.031
(481) Variazione fair value strumenti finanziari derivati di copertura cash flow hedge 443 352
1 Variazione fair value strumenti finanziari disponibili per la vendita (9) (6)
2 Quota di pertinenza delle "altre componenti dell'utile complessivo" delle partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto (10) (13)
202 Effetto fiscale relativo alle altre componenti dell'utile complessivo (175) (128)
(1.145) 2.418 1.236
4.172 Totale utile complessivo 9.801 9.039
di competenza:
3.245 - azionisti Eni 8.699 8.097
927 - interessenze di terzi 1.102 942

Patrimonio netto

(milioni di euro)
Patrimonio netto comprese le interessenze di terzi al 31 dicembre 2010 55.728
Totale utile complessivo dell'esercizio 9.039
Dividendi distribuiti agli azionisti Eni (3.695)
Attribuzione dei dividendi dalle altre società consolidate (571)
Diritti decaduti stock option (7)
Costo di competenza stock option 2
Versamenti degli azionisti terzi 26
Acquisto quote Altergaz SA e Tigaz Zrt (126)
Cessione azioni proprie delle altre società consolidate 17
Altre variazioni (20)
Totale variazioni 4.665
Patrimonio netto comprese le interessenze di terzi al 31 dicembre 2011 60.393
di competenza:
- azionisti Eni 55.472
- interessenze di terzi 4.921

Il patrimonio netto comprese le interessenze di terzi (60.393 milioni di euro) è aumentato di 4.665 milioni di euro. Tale incremento riflette l’utile complessivo di periodo (9.039 milioni di euro) dato dall’utile di conto economico di 7.803 milioni di euro e dalle differenze cambio da conversione rilevate tra le altre componenti dell’utile complessivo.

Tali effetti sono stati parzialmente compensati dal pagamento dei dividendi Eni (3.695 milioni di euro, di cui 1.884 milioni di euro relativi all’acconto 2011) e dall’attribuzione dei dividendi agli azionisti di Saipem e Snam Rete Gas e altre minority (571 milioni di euro).

Prospetto di raccordo del risultato d’esercizio e del patrimonio netto di Eni SpA con quelli consolidati

 Risultato del periodo Patrimonio netto
(milioni di euro) 2010 2011 31 dicembre
2010
31 dicembre
2011
Come da bilancio di esercizio di Eni SpA 6.179 4.213 34.724 35.255
Eccedenza dei patrimoni netti dei bilanci di esercizio, comprensivi dei risultati
di periodo, rispetto ai valori di carico delle partecipazioni in imprese consolidate
1.297 3.972 20.122 24.355
Rettifiche effettuate in sede di consolidamento per:        
-differenza tra prezzo di acquisto e corrispondente patrimonio netto contabile (574) (320) 4.732 4.400
-rettifiche per uniformità dei principi contabili 389 (248) (667) (673)
- eliminazione di utili infragruppo 14 115 (4.601) (4.291)
- imposte sul reddito differite e anticipate 100 71 1.410 1.337
- altre rettifiche (22)   8 10
  7.383 7.803 55.728 60.393
Interessenza di terzi (1.065) (943) (4.522) (4.921)
Come da bilancio consolidato 6.318 6.860 51.206 55.472

Torna Su

Eni S.p.a. - Sede legale
Piazzale Enrico Mattei, 1
00144 Roma

Sedi secondarie
Via Emilia, 1
e Piazza Ezio Vanoni, 1
20097 - San Donato Milanese (MI)

Partita IVA
n. 00905811006

Capitale sociale
€ 4.005.358.876,00 i.v.

C. F. e Registro Imprese di Roma
n. 00484960588

Mission
Siamo un’impresa integrata nell’energia, impegnata a crescere nell’attivita di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas naturale. Tutti gli uomini e le donne di eni hanno una passione per le sfide, il miglioramento continuo, l’eccellenza e attribuiscono un valore fondamentale alla persona, all’ambiente e all’integrità.